19 maggio. Seconda parte

Dopo il pranzo abbiamo ripreso la marcia verso Malaga.
Abbiamo pensato di andare in campeggio subito per lasciare gran parte delle nostre cose e poterci vestire da “persone normali” per la visita alla città.
Il campeggio si trova sul mare, e abbiamo una piazzola in erba questa volta.
Anche se mi sembra di aver incontrato già troppe formiche,   Ivan ha montato la tenda in un baleno sul terreno morbido   e così siamo partiti a spron battuto alla volta di Malaga.
Subito ci siamo diretti al Castello di Gibralfaro,

image

da cui si domina la città,

image

e poi siamo scesi attraverso un percorso in forte discesa sotto il sole battente per l’ Alcazaba sottostante.

image

Finita la visita  abbiamo fatto un giretto in centro per prepararci alla salita che ci avrebbe ricondotto alla moto.
La temperatura si aggirava intorno ai 30° e non so quanta acqua abbiamo bevuto!
Subito dopo abbiamo cercato un Decathlon per comprare un materassino nuovo :).  Operazione riuscita perfettamente..  Tanto che il vecchio bucato sembra ora tenere  🙂
Inoltre anche  in questo campeggio abbiamo degli amici: un irlandese con moglie + tenda da indiano ci ha prestato e lasciato per la notte la sua super pompa per gonfiare i materassini,  un ragazzo olandese e una signora francese con un labrador obeso.
Ah dimenticavo : c’è pieno di uccelli rumorosi,  tipo cocorite o pappagallini,  che fortunatamente ora dormono. E abbiamo vicino due signori della Gran Bretagna che non riescono a non far partire l allarme del camper: devono essere molto amati da tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *